Tell Us

Tell me one more time

of that one time, when your life hanged on a train.

Through eastern sounds,

bonded in barbed wire fancy

terror spoke in Berlin, tongue and ways and nose of the hounds.

 

Tell me about when

little girl, you were a man, not a game

hidden in the straw

amidst thoughts, thoughts of an uniform

too wide for you, that uniform

and boots, bad boots

scouring the rails

on a tiptoe

from Verona to Piave, on the railroad

nights, and nights

fear as a torment.

Tell how you hid

between tall, upset grass,

to feel then moved

looking at distant hills, to Vittorio.

 

Filing the time

rediscovering your consumed square

the laundresses well

an enchantment, those paternal roads

the door to your house, rusty

your aunt, she doesn’t see your starry eyes

your sunken cheeks

your cardboard legs.

Granny

three generations thenin wrought iron, a destiny.

 

Cappella Maggiore, January, 2009
(Giuseppe Lazzaro) (I translated it to English)

Immagini correlate:

Download PDF

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt
Roberto Srelz

About Roberto Srelz

Editore e direttore responsabile, presidente del gruppo centoFoto , è nato a Trieste. Professionista presso una grande azienda internazionale, è scrittore biografico (ha pubblicato il romanzo breve ‘Per Due Volte’ con ‘Luglio Editore’ ) e fantastico (ama in particolare il Fantasy nordeuropeo e scrive racconti brevi sul Web). Nel 2010 e 2012, con ‘Esaedro’, è stato editore di ‘Lions & Saints’ (Guendal – Ramella) e di ‘Pin Up’ (‘Accademia di Fumetto’, Trieste), collaboratore di dotART, e dal 2009 al 2014 ha organizzato la manifestazione ‘Fumetti per Gioco‘ assieme ad altri collaboratori. Insegna fotografia ed ha partecipato a mostre fotografiche in Italia (l'ultima delle quali su Steve Kaufman con "American Pop Art") e all’estero (Croazia, Polonia e Ungheria).