Questa volta metti in scena… La Memoria: stage formativi

poster 9a edQuest’anno il concorso “Questa volta metti in scena…” – rivolto alle scuole superiori di Trieste, al Liceo Sello di Udine e alle scuole della Slovenia – è giunto alla nona edizione.

Le premiazioni sono avvenute il 31 gennaio 2014  presso l’Aula Magna dell’Istituto Tecnico Max Fabiani di Trieste.

Ogni edizione del concorso ha un tema diverso e quest’anno è stato scelto quello della Memoria, perché ricorre il centenario della Prima Guerra Mondiale. Gli studenti partecipanti hanno interpretato ed espresso a loro modo il tema attraverso variate forme artistiche: pittura, disegno, mixed media, video, fotografia, collage e fumetto.

Questo progetto è ideato e curato da Lorena Matic con l’organizzazione dell’Associazione culturale Opera Viva in convenzione con la Regione FVG Assessorato alla Cultura, con il contributo del Comune di Trieste Area Educazione Università e Ricerca, della ZKB e del Consolato Generale d’Italia a Capodistria e con il Patrocinio del Centro Unesco Ts, del Comune di Duino Aurisina, della CCIAA e con la collaborazione della Provincia di Trieste, della Sissa e della Obalne Galerije Piran.

La giuria internazionale era composta da:

Majda Bozeglav Japelj, curatrice delle Gallerie Costiere Pirano, Capodistria

Giuliana Carbi, storica dell’arte e presidente del Comitato Trieste Contemporanea

Lorena Matic, ideatrice e curatrice del progetto

Nadia Pastorcich, menzione speciale sez.Fotografia alla 8a ed.del concorso

Mario Sillani Djerrahian, fotografo

Rosalba Trevisani, segretaria generale del Centro Unesco di Trieste

 

Dopo le premiazioni alcuni dei vincitori e giurati sono stati intervistati da TV Koper, per il programma “Tuttoggi Scuola” e sono stati ospiti nella trasmissione radiofonica “Sconfinamenti” andata in onda su Radiouno Rai.

In seguito è iniziata una serie imperdibile di appuntamenti:

Il 7 febbraio, presso il Teatro Miela di Trieste, è stata inaugurata la mostra con gli elaborati dei vincitori della nona edizione del concorso “Questa Volta metti in scena…La Memoria”.

Nei giorni 4, 5 e 11 febbraio, il fotografo Mario Sillani Djerrahian ha tenuto uno stage, presso l’Istituto d’Arte Enrico ed Umberto Nordio di Trieste.

Il 12 e il 19 marzo lo stage di fotografia con Mario Sillani Djerrahian si è spostato al Liceo Sello di Udine.

In queste lezioni l’artista ha voluto trasmettere al giovane pubblico, formato da alcuni studenti partecipanti al concorso di quest’anno, che cos’è per lui la fotografia e com’è cambiata nel corso del tempo, mostrando anche alcuni suoi elaborati davvero particolari e legati a tanti aneddoti.

Infine il 31 marzo, l’1 e il 3 aprile si è tenuto lo stage presso il Ginnasio Carli di Capodistria, con la costumista teatrale e cinematografica Mateja Benedetti, nonché stilista della linea ecologica “Terra Urbana”.

Le studentesse che hanno partecipato a questo workshop, si sono lasciate trasportare dalla loro creatività per la realizzazione di alcuni lavori originali.

 

Le creazioni realizzate dai ragazzi che hanno partecipato agli stage verranno esposte nella mostra “Mettiamoci all’Opera” che verrà inaugurata il 29 maggio 2014 alle ore 19.00, presso la Galleria Medusa a Capodistria e resterà aperta fino al 17 giugno. Mentre dal 23 giugno al 7 luglio gli elaborati saranno esposti presso la Camera di Commercio di Trieste.

Per info: assoc.operaviva@libero.it

Pagina Facebook: Opera Viva

Nadia Pastorcich© centoParole Magazine – riproduzione riservata

 

Immagini correlate:

Download PDF

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt

About Nadia Pastorcich

Redattrice. Nadia Pastorcich nasce a Trieste; è una studentessa universitaria che fin da piccola ha frequentato ambienti legati al mondo dello spettacolo, appassionandosi sempre di più al teatro, al cinema e all’arte. A cinque anni ha iniziato a seguire le operette per poi passare al balletto e infine alla prosa e all’opera. Si è poi appassionata al cinema che va dagli anni Trenta agli anni Sessanta e ciò l’ha portata ad approfondire anche la musica, la moda e la fotografia d’epoca.