Il valore del ricordo – STANZE D’ALBERGO di Angela Siciliano

Van Gogh - La Camera Gialla

Uno scoiattolo frettoloso

mi taglia la strada

e scompare nel bosco

col suo fare misterioso.

 

Si interrompe così

quella specie di silenzio

del mio mattino

e mi innamoro

della segreta trama

in ogni cosa.

 

Una raccolta di quotidianità, un insieme di trame che si cuciono da sole, a piacimento del lettore.

Angela Siciliano - foto di Gianna Omenetto (1)

Stanze d’albergo di Angela Siciliano, pubblicato dalla casa editrice Franco Puzzo Editore (2014), è un agglomerato di “attimi” lasciati decantare negli anni, per essere poi accuratamente scelti.

Ancora una volta la precarietà non è più un’etichetta negativa.

Angela Siciliano la erige a valore, definendola importante per una maggior apertura, per accogliere diverse possibilità. La probabilità è la sola cosa che abbiamo e Stanze d’albergo ne porta le prove attraverso racconti messi in poesia, dove i temi conosciuti e già sentiti come la morte, l’amore, la solitudine e la riflessione rompono la banalità dell’abitudine e si modellano nelle mani di chiunque.

 

Tutti amiamo.

Tutti riflettiamo.

Tutti moriamo.

 

E soprattutto tutti abbiamo paura.

 

Ciò che non ci è dato di sapere si traduce nell’ignoto, e l’ignoto si converte in timore.

Angela Siciliano rafforza il concetto di precario, rendendolo autentico nel suo compito: quello di esistere. Non ci resta altro che esistere e per farlo è necessario prima fare i conti con se stessi, avere il coraggio di chiudersi nei labirinti delle proprie inquietudini e lasciarsi travolgere dal terrore, dai dubbi, dall’inevitabile consapevolezza della nostra condizione.

Fatto questo diventa familiare accettare la precarietà.

Stanze d’albergo è diviso in quattro sezioni (Clausura; Hotel Pietrosa Riviera; Precario vivere; Trama e ordito), le quali racchiudono una storia intrecciata tra le strofe, ricordano il dovere di ricordare, l’importanza della riflessione che si trasmette sottoforma di malessere.

 

Ad un tratto

le parole diventano banali

quasi insidiose

le voci false

i pareri inopportuni.

tutto assume la tonalità

grigio noia con cui si vestivano

certi pomeriggi di domenica

quando ero bambina

 

Mi sorprende

quasi mi fa vergognare

il non avere niente da dire

il dover stazionare

in un palese silenzio,

in un tacere anche a me stessa.

 

Incespicare dentro i passi della nostra vita equivale a sorprendersi davanti ai propri attimi: ogni frangente, come l’inquietudine stessa, racchiude un soffio di esistenza, che se non viene vissuto in quanto tale e non come lo si avrebbe desiderato, non si sacralizzerà in un ricordo.

 

Crepe sulle pareti del quotidiano

veleno nei bicchieri delle promesse

angustia e affanno sui cuscini

amarezza nell’ironia che si increspa

fino a diventare sarcasmo.

 Copertina Stanze d'albergo

L’affanno che caratterizza l’essere umano nel disperato tentativo di trovare un rifugio di fronte alla perdizione, trova saldezza e consapevolezza dentro le parole della Siciliano: se si conosce la propria paura, si può imparare a gestirla. E ad amarla.

Lo stesso vale per una stanza d’albergo: il solo pensiero riporta a qualcosa di assolutamente impersonale, distaccato se non squallido. Arrivare, pagare, dormire, lavarsi e ripartire. E a volte qualcos’altro di più o meno interessante. In quest’opera, invece, anche l’idea immediata che sorge di una stanza d’albergo cambia colore.

Una camera che è stata di tanti, nel pagarla diventa tua per qualche giorno. Chiudere la porta dietro di sé, dopo essere usciti dall’ascensore, definisce la fine del comune per l’inizio del privato, perché anche in una stanza d’albergo proveremo le stesse cose, gli stessi pensieri, avremo gli stessi movimenti e lo stesso respiro che avremmo se fossimo nella nostra di stanza, nel nostro letto, con la sola differenza che gli stessi attimi vissuti in un contesto familiare, fermo, costante e sicuro si raggruppano in un tempo limitato: quello della stanza d’albergo, appunto, che si dovrà lasciare, prima o poi. Una precarietà, quindi, che garantisce la stessa identità.

 

Buffet, cocktail, divani, posate, letti, porte e finestre.

Il flusso è costante e tra ogni cosa c’è una vita intera che passa, che si sofferma e che riparte.

 

Un centilitro di autoironia

uno di sana allegria

uno di follia imbrigliata

e poi un pizzico di carezze dolci

uno di parole audaci

e un cucchiaino di voglie chiare

una spruzzata di coraggio ponderato

e un’ombra di esperienza già pagata.

 

 E cosa ne sarà di tutto questo flusso? E il costante vagare nella precarietà?

Nient’altro che il ricordo, per quanto semplice possa sembrare. Per paura di dimenticare, ci si appiglia a qualunque cosa, si storpiano i momenti, raccogliendone in altri, senza chiederci che cosa ne sarà stato di un oggetto, una persona, di un momento. Noi vogliamo ricordare quello che ci ha arricchito a quel tempo, diventando i fantasmi delle nostre stesse paura. E non c’è niente di più affascinante e desolante che questo.

 

Siamo noi i fantasmi.

continuiamo a vivere e vederci

nei luoghi che abbiamo lasciato.

 

Poco ci importa se quel sentiero

è ora soffocato dalle erbacce

se quella stanza ha cambiato funzione

e da camera da letto ora è salotto.

Non importa se tutto l’edificio è stato abbattuto

e quel viottolo ora è una strada asfaltata.

 

Noi siamo ancora lì

dove le cose sono rimaste come erano

ad arredare il nostro dentro.

 

E allora ognuno trova il proprio riscatto, raschiando suoli e sporcandosi le mani per ottenerlo. A volte facendosi del male, a volte ignorando il tutto. Angela Siciliano ha scelto la scrittura. La poesia. E attraverso la sua esperienza racconta agli altri la loro stessa vita, che come la sua trovano alla fine il gesto più comune: osservare un orologio e scegliere se prepararsi all’ignoto o lasciarsi meravigliare.

 

Non resta allora che essere sempre pronti

oppure lasciarsi sorprendere ovunque.

 

 

Nota biografica: Angela Siciliano

angela siciliano note

Angela Siciliano è nata in Belgio nel 1957 da una famiglia di emigrati. Un po’ per curiosità e un po’ per inquietudine ha vissuto in varie zone d’Italia e in Germania. Dopo diversi anni trascorsi in Danimarca è tornata a Trieste, dove ora lavora nel sociale. Il parere positivo di Dacia Maraini su una raccolta di sue poesie rimasta inedita ha incoraggiato l’allora quasi trentenne autrice a coltivare l’interesse per la scrittura e la lettura. Nel 1989 ha vinto, con la poesia Tra una città e l’altra, la prima edizione del Premio Donna – Poesia del Centro Femminista Internazionale di Roma. Nel 2000 ha vinto la quarta edizione del Premio Donna, Eros… e altre donne dell’Associazione Green Tomatoes di Torino, con la poesia La cuoca ginevrina. Nel 2008 ha pubblicato il romanzo Quando l’amore non basta (Ginko Edizioni). Nel 2012 è uscita la raccolta di poesie Tra le dita (Franco Puzzo Editore). Sue traduzioni di alcuni testi di poeti danesi contemporanei sono nelle riviste letterarie La clessidra (2013) e Hebenon (2013).

 

Francesca Schillaci

@centoParole – riproduzione riservata

Immagini correlate:

Download PDF

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt
Francesca Schillaci

About Francesca Schillaci

Redattrice. Laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lettere e Filosofia a Trieste. Da sempre amante di letture di classici, si dedica alla musica, al disegno e alla scrittura, prediligendo la fusione dell’arte musicale con la composizione poetica; in Spagna pubblica la sua prima introduzione per un libro di fotografia e una volta tornata in Italia inizia a collaborare con più pubblicazioni online (‘La Voce di Trieste’ , ‘dotART Magazine’, ‘Trieste All News’).