EPISTOLARIO: Chissà se saprò salvarmi – Cesare Pavese

Questa lettera di Cesare Pavese è indirizzata a Giuditta Ciliberti Tallone, musicista. E’ l’approccio di Pavese alla musica classica attraverso una dichiarazione d’amore che si rivelerà nuovamente vana. Il pessimismo e il pensiero costante della morte rivelano ancora il tormento di Pavese, il quale cerca attraverso la letteratura, la poesia e, come dichiara in questa lettera, anche attraverso la musica, di esorcizzare i suoi fantasmi ritrovandosi infine nella più cupa disperazione.

Torino, 3 ottobre 1929

 

Ieri, con tanta gente attorno, si è dovuto rimandare ancora una volta una conversazione un po’ più geniale. Ma il pomeriggio non è andato perduto ugualmente: io le mandai quei fogli, Lei mi rispose con Debussy. Non per il confronto, ma per quello che ciascuno di noi immaginò dentro di sé.

Cesare Pavese - Olio su tela

Cesare Pavese – Olio su tela

Poi Lei mi ha parlato, confusamente, tra il chiacchierio di tutti. Compresi appena le parole, ricordo soltanto il loro suono, la loto intenzione.

Era intorno a quei miei fogli. Io vorrei che Lei mi ripetesse quelle frasi, e rimpiango solo di non sapere scrivere nel suo linguaggio, la musica.

Ma qualcosa comincio davvero a comprendere. Durante l’Appassionata mi sentito a tratti intorno il fragore di un mondo che si sconvolge e brucia. Nella Nona, un’ascesa vertiginosa come di stella in stella e, su tutto, un’armonia così remota ed alta che pare eludere anche il suo creatore.

Ma tutto questo, a tratti, a lampi, annaspando in una specie di sordità mentale esasperante.

 

Vita attraverso le lettere - Cesare Pavese

Vita attraverso le lettere – Cesare Pavese

Ho compreso dunque qualcosa? Sono certo che se potessi ascoltare Lei di più e parlarle più a lungo e leggere i miei poeti, come Lei mi suona i suoi musici, noi scopriremo insieme meraviglie. Ma la vita è pesante, è triste e Lei è lontana, e anche se mi fosse vicina, io sarei ancor più chiuso e triste. Sono come un pianoforte – stonato – che più si ascolta da vicino e peggio è.

Poi, questo è un periodo in cui sto facendo il novelliere spiritoso e la vacuità delle cose che stavo scrivendo l’ho compresa soltanto oggi, ascoltando Beethoven.

Chissà se saprò salvarmi. Pensi: da giugno non ho più messo giù un verso e comincio a convincermi che le mie speranze di poeta siano state un vicolo cieco.

Ora aspetto la morte.

L’altro giorno un mio passato compagno s’è sparato nel cuore e “boccheggiava in una pozza di sangue”. Ebbene, così finiremo tutti.

Sono allegro, no?

 

Cesare Pavese

 

 

Tratto da Vita attraverso le lettere di Cesare Pavese – edizione Einaudi, 1966.

 

Francesca Schillaci © centoParole Magazine – riproduzione riservata

 

 

 

 

 

[

Download PDF

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt
Francesca Schillaci

About Francesca Schillaci

Redattrice. Laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lettere e Filosofia a Trieste. Da sempre amante di letture di classici, si dedica alla musica, al disegno e alla scrittura, prediligendo la fusione dell’arte musicale con la composizione poetica; in Spagna pubblica la sua prima introduzione per un libro di fotografia e una volta tornata in Italia inizia a collaborare con più pubblicazioni online (‘La Voce di Trieste’ , ‘dotART Magazine’, ‘Trieste All News’).