Dvd L’orologio di Monaco: domani l’uscita ufficiale

L'orologio di MonacoEsattamente un anno fa, il 20 ottobre, è stato presentato in prima mondiale al Festival di Roma, nella sezione “Eventi”, il docu-film “L’orologio di Monaco” del regista Mauro Caputo. Tratto dall’omonimo libro di Giorgio Pressburger, strutturato in piccoli racconti, il film ripercorre l’albero genealogico di Pressburger, facendo emergere alcuni grandi nomi della cultura moderna quali Karl Marx, il regista Emeric Pressburger, il poeta Heinrich Heine, il compositore Felix Mendelssohn; tutti probabili parenti dello scrittore ungherese.
La voce narrante che ripercorre intensamente il presente e il passato, i ricordi di quella che è stata la Mitteleuropa, è quella di Pressburger.
Un film suggestivo, che mostra una Trieste insolita, dal sapore melanconico; un viaggio nel tempo che si alterna tra immagini presenti, filmati di repertorio dell’Archivio Luce-Cinecittà e il materiale girato dal regista Emeric Pressburger – concesso da Kevin MacDonald, il nipote.

Dopo la proiezione a Trieste de “L’orologio di Monaco”, avvenuta quest’anno a fine febbraio, il dvd del docu-film, distribuito dall’Istituto Luce-Cinecittà, è uscito in anteprima il 10 ottobre con il giornale locale Il Piccolo, mentre domani uscirà ufficialmente.

In seguito all’intervista a Giorgio Pressburger e al regista Mauro Caputo (L’orologio di Monaco: Giorgio Pressburger e Mauro Caputo), abbiamo deciso di dedicare uno spazio anche a Vox Produzioni – amministrata da Mauro Caputo – produttrice del docu-film.

Cos’è Vox Produzioni?

VOX Produzioni è un’idea, un progetto ed ora una piccola realtà, che sta crescendo giorno dopo giorno con l’impegno di tante persone. Una società di produzioni cinematografiche con sede a Trieste, che ha prodotto e sta producendo un nuovo film in associazione con l’Istituto Luce-Cinecittà.

Come nasce?

Nasce da una necessità, dalla voglia di realizzare alcuni progetti particolari che riescano a differenziarsi dalle solite proposte.

Qual è l’obiettivo di Vox Produzioni?

Fare dei film che abbiano un messaggio, un significato ben preciso e comunicare qualcosa di utile. Non vogliamo limitarci alla realizzazione di un prodotto commerciale, anche se questo comporta il percorrere strade alternative e spesso più complicate. Però abbiamo già avuto molte soddisfazioni con l’interesse ricevuto dal pubblico e anche per le iniziative che stanno portando il nostro film “L’orologio di Monaco”, in un viaggio per il mondo. Il film sarà proiettato in città e paesi lontani, non solo geograficamente ma anche culturalmente, come Tokyo, Osaka, San Francisco, Rio de Janeiro, Budapest, Sydney, Parigi, Bucarest, Varsavia, La Valletta, Zurigo e molte altre; oltre che nelle scuole, nelle università, in rassegne, eventi e festival internazionali. Il 19 novembre il film verrà presentato e proiettato al Senato della Repubblica.

Com’è nata la collaborazione tra Vox Produzioni e Giorgio Pressburger per la realizzazione de L’orologio di Monaco?

È nata da un’amicizia e prima ancora dalla stima per un intellettuale di altissimo livello, per il suo lavoro, per un uomo che ha molto da dire e raccontare.

Domani, 21 ottobre, uscirà il dvd del docu-film “L’orologio di Monaco”, dove lo si potrà comprare?

Il DVD è ancora reperibile nelle edicole in allegato al quotidiano Il Piccolo e presto con Il Messaggero Veneto, Il Mattino di Padova, La Tribuna di Treviso, La Nuova di Venezia e Mestre e il Corriere delle Alpi. Inoltre sarà presente o ordinabile in tutte le librerie del territorio nazionale, presso i rivenditori di DVD e in tutti gli store-online come Amazon, IBS, La Feltrinelli, Mondadori, etc. Sarà presente – e questo ci fa molto piacere – anche in luoghi particolari come alcuni musei di Roma e Venezia.
Presto ci sarà pure una bella novità, che aumenterà di molto la diffusione del dvd e che comunicheremo nei prossimi giorni.

In questi giorni state girando una nuova produzione: “Il profumo del tempo delle favole“, sempre con Giorgio Pressburger. Di che cosa si tratta?

È un nuovo progetto che sarà pronto entro la fine dell’anno. È tratto da un bellissimo romanzo di Giorgio Pressburger che, come nel suo stile, indaga nel profondo l’animo umano. Anche in quest’occasione Pressburger sarà il protagonista e la voce narrante, ma i temi affrontati e la struttura del film si differenziano completamente da “L’orologio di Monaco”.

Ringrazio Vox Produzioni per la disponibilità.
Nadia Pastorcich ©centoParole Magazine – riproduzione riservata

Immagini correlate:

Download PDF

Price:
Category:     Product #:
Regular price: ,
(Sale ends !)      Available from:
Condition: Good ! Order now!

by

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt

About Nadia Pastorcich

Redattrice. Nadia Pastorcich nasce a Trieste; è una studentessa universitaria che fin da piccola ha frequentato ambienti legati al mondo dello spettacolo, appassionandosi sempre di più al teatro, al cinema e all’arte. A cinque anni ha iniziato a seguire le operette per poi passare al balletto e infine alla prosa e all’opera. Si è poi appassionata al cinema che va dagli anni Trenta agli anni Sessanta e ciò l’ha portata ad approfondire anche la musica, la moda e la fotografia d’epoca.