Questa Volta metti in scena…il Cuore: tante novità nell’11esima edizione

Casting video Anche quest’anno il concorso artistico “Questa Volta metti in scena...” arriva nelle scuole superiori.

Il tema dell’11esima edizione è il “Cuore”, il simbolo dell’Amore, l’organo della passione, delle emozioni e della fragilità, che gli studenti potranno interpretare a loro piacimento, non soffermandosi solamente all’organo in sé, ma approfondendo il suo intrinseco significato e le tante sfumature e simbologie che assume nei vari ambiti, da quello dell’arte, del cinema, a quello della pubblicità, della moda, o addirittura a quello religioso. Anche i modi di dire come con il cuore in mano, possedere la chiave del cuore… potranno essere fonte di ispirazione.

E chi meglio dei giovani può interpretare questo tema? Infatti saranno proprio gli studenti di alcune scuole del Friuli Venezia Giulia, della Slovenia, oltre che quelli provenienti da altre parti del mondo che frequentano una scuola internazionale nella nostra regione, a dare vita ad un elaborato artistico fatto con il Cuore.

Opera VivaMa il programma dell’Associazione Opera Viva non finirà con il concorso: verrano fatti tre stage formativi con tre Visiting Professor specializzati in un settore artistico di loro competenza, che si svolgeranno a Trieste, Udine e Capodistria. Inoltre – come ogni anno – verso la fine di gennaio si svolgerà la cerimonia di premiazione degli elaborati dei ragazzi scelti dalla giuria. In quell’occasione alcuni ospiti d’eccezione parleranno, attraverso il loro vissuto, del tema proposto. A conclusione del programma verranno fatte quattro mostre.
Novità di quest’anno è un “casting video” per realizzare un filmato con protagonisti gli studenti, i quali racconteranno la propria storia d’amore, nel luogo in cui hanno sentito battere il cuore. L’obiettivo è quello di creare una video-cartolina, con l’intenzione di promuovere e far conoscere i nostri territori. Soltanto dieci studenti verranno scelti per diventare i protagonisti di questo video.

Fondazione Lelio LuttazziIl concorso Questa Volta metti in scena…il Cuore – ideato e diretto come ogni anno da Lorena Matic – è organizzato dall’Associazione culturale Opera Viva, con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia Assessorato alla Cultura, della Fondazione CRTrieste, dell’Unicusano Learning Center Trieste e di ZKB, la partnership del Comune città di Capodistria, della Comunità degli Italiani Giuseppe Tartini di Pirano e del FAI Fondo Ambiente Italiano delegazione di Trieste e la collaborazione del Comune di Duino Aurisina, della Fondazione Lelio Luttazzi, delle Obalne Galerije Pirano, e dell’IT Deledda-Max Fabiani.

Un’altra scoppiettante novità di questa 11esima edizione è la speciale collaborazione della Fondazione Lelio Luttazzi, che sarà rappresentata anche in giuria da Rossana Luttazzi, moglie del Maestro.

Lorena Matic, perché ha scelto il cuore come tema di questa edizione?

Dopo il primo decennio del progetto – lo scorso anno si sono festeggiati i 10 anni di “Questa Volta metti in scena…” – la 11a edizione doveva avere un tema speciale, di buon auspicio anche per il prossimo decennio. Se dici “…Cuore” ti viene subito in mente il simbolo dell’Amore per eccellenza e quindi un tema positivo, che si presta anche a molte altre interpretazioni.

Quest’anno ci sono due novità: il Casting video e la collaborazione della Fondazione Lelio Luttazzi.
Cos’è il Casting Video e come nasce l’idea di realizzare un filmato con protagonisti i ragazzi?

L’intero progetto, composto da un concorso artistico, degli stage e delle mostre si rivolge agli studenti delle scuole superiori e quindi era normale conseguenza che anche il Casting Video vedesse proprio loro come protagonisti. Il Casting Video è finalizzato alla ricerca di 10 protagonisti; è una selezione che verrà fatta tra tutti i brevi racconti (max 10 righe) che ci arriveranno, in cui gli studenti raccontano il luogo della regione FVG, dove hanno sentito battere più forte il cuore; o perché si sono innamorati o perché è successo qualcosa di speciale, o perché il posto è talmente bello…I più bei racconti faranno parte dl un cortometraggio con le immagini dei luoghi raccontati dalla viva voce dei ragazzi selezionati.

Cosa mi dice della collaborazione della Fondazione Lelio Luttazzi e della presenza di Rossana Luttazzi in giuria?

Sono doppiamente contenta di questa nuova collaborazione con la Fondazione Lelio Luttazzi, perché è una Fondazione che nasce per tenere viva la memoria di un artista nato a Trieste e che fa parte della storia della cultura musicale del nostro paese. Inoltre è una Fondazione dinamica che punta lo sguardo anche alle nuove generazioni .
Mi fa molto piacere avere Rossana Luttazzi in giuria, in quanto è di sicuro una persona che di creatività ne ha vista tanta e la sa riconoscere avendo vissuto a fianco del maestro Lelio Luttazzi; e poi perché essendo il tema di quest’anno il Cuore, il solo fatto di creare una Fondazione in memoria di un compagno di vita, mi sembra un esempio più che rappresentativo del Cuore inteso come Amore.

Lorena Matic e Rossana Luttazzi, se vi dico Cuore, cosa vi viene in mente?

Lorena: Diversi anni fa, quando ancora si annotavano i numeri di telefono nelle agendine, ne avevo una anch’io, acquistata al Castello di Rivoli di Torino. Aveva la copertina disegnata da Keith Haring in bianco e nero e al centro c’era un cuore rosso, quindi se mi dici la parola “Cuore” mi viene subito in mente quell’agendina lì: scrigno prezioso di tanti numeri di telefono e indirizzi riferiti a conoscenti, amici, amori…

Rossana: Il filosofo, matematico e scienziato Blaise Pascal scrisse: “il cuore ha le sue ragioni, che la ragione non conosce”. Carl Gustav Jung: “La tua visione diventa chiara solo quando guardi dentro il cuore”. Dunque mi viene in mente l’amore. L’amore inteso come innamoramento, come faro che illumina i tuoi percorsi, le tue mète. Il cammino della tua vita. Qualsiasi nostra manifestazione di gioia, di melancolìa, di felicità, d’infelicità ha le sue origini nel cuore. La ragione c’entra poco… Prendi l’innamoramento… c’entra la ragione? No, non c’entra. Bisogna sempre ascoltare il cuore. Ed è esaltante donarlo. Vai sempre dove ti porta il cuore. Non sbaglierai!

Signora Luttazzi, la Fondazione Lelio Luttazzi promuove i progetti rivolti alla diffusione della cultura, dell’educazione e della formazione musicale, sostenendo in particolare i giovani. Anche l’Associazione Opera Viva promuove la diffusione della cultura e dell’arte tra i ragazzi. Perciò, cosa ne pensa di questa collaborazione tra la Fondazione e l’Associazione?

Ne penso benissimo. In questo nostro momento storico nel quale regnano l’ignoranza, la maleducazione, l’assenza di valori veri, il non impegno, ben vengano collaborazioni tra realtà che invece promuovono la cultura, l’arte, l’impegno da diffondere tra i ragazzi.

Lei sarà anche uno dei giurati dell’11esima edizione del concorso. Che cosa si aspetta di trovare nei lavori degli studenti?

Impegno, dedizione al proprio lavoro, intelligenza, passione. Spero che dai loro lavori esca fuori la parte migliore: il Cuore. Non solo il cuore inteso come “innamoramento” ma anche inteso come “amore” per una poesia, per un tramonto, per un mare in tempesta, per una notte di luna piena…

Qual è il suggerimento che dà ai ragazzi per realizzare al meglio i loro elaborati artistici?

Il suggerimento migliore è che non abbiano paura a lasciarsi andare alla poesia, al sentimentalismo, all’amore. Spesso mi capita d’incontrare giovani che hanno come una riluttanza ai “sentimenti”, come se avessero paura di apparire meno forti. E’ esattamente il contrario! Ascoltate il vostro cuore, non vi tradirà mai.

Ringrazio sentitamente Lorena Matic e Rossana Luttazzi per la loro disponibilità e gentilezza.

Per il casting video scrivere ad assoc.operaviva@libero.it entro il 31 ottobre; mentre la scadenza del concorso delle arti visive è prevista per il 19 dicembre ed il bando è reperibile presso tutte le segreterie scolastiche.
Come già concesso nelle edizioni passate, anche quest’anno si farà richiesta ai vari dirigenti scolastici di concedere i Crediti Formativi agli studenti ritenuti meritevoli.

Potete seguire tutti gli aggiornamenti sulla pagina Facebook Opera Viva o su Twitter @AssocOperaViva.

Nadia Pastorcich ©centoParole Magazine – riproduzione riservata.

Immagini correlate:

Download PDF
Category: Product #: Regular price:$ (Sale ends ) Available from: Condition: Good ! Order now!

Condividi questo articolo sui Social Network

PinIt

About Nadia Pastorcich

Redattrice. Nadia Pastorcich nasce a Trieste; è una studentessa universitaria che fin da piccola ha frequentato ambienti legati al mondo dello spettacolo, appassionandosi sempre di più al teatro, al cinema e all’arte. A cinque anni ha iniziato a seguire le operette per poi passare al balletto e infine alla prosa e all’opera. Si è poi appassionata al cinema che va dagli anni Trenta agli anni Sessanta e ciò l’ha portata ad approfondire anche la musica, la moda e la fotografia d’epoca.